Italia

ABRUZZO MAGICO: PUNTA ADERCI, UN PARADISO SULLA COSTA DEI TRABOCCHI

ROAD TO HEAVEN!

Questa è la strada verso il nostro Eden, Punta Aderci, Riserva Naturale nei pressi di Vasto (Abruzzo), uno dei tratti più suggestivi della Costa dei Trabocchi e di tutto il versante Adriatico. Un’ampia baia che ricorda l’Australia, senza esagerare; campi di grano che si infiammano alla luce del sole, profumi primaverili e poi il trabocco ligneo come suggello di un tempo lontano. In poche parole un paradiso!!!!

LA MAGIA DELL’ABRUZZO COSTIERO

Punta Aderci chiude un tratto litorale di 40 km (Ortona-Vasto), conosciuto come La Costa dei Trabocchi, un microcosmo che offre vari spunti: dalle spiagge di sabbia alle calette rocciose, dai borghi graziosi alle abbazie medievali, dalla cucina tradizionale al buon vino, senza trascurare i trekking all’ombra di leccete centenarie e pinete marittime, che esaltano un ambiente mediterraneo rigorosamente a denominazione d’origine controllata. La Riserva Naturale Regionale di Punta Aderci è uno dei tanti tesori naturalistici di questo tratto di costa, probabilmente il più spettacolare.

“Tutti, almeno una volta nella vita, dovremmo vedere l’alba dalla Costa dei Trabocchi”

Questo tratto di Abruzzo è un mondo tutto da scoprire, destinazione privilegiata per gli amanti della natura, del mare e della buona cucina.

COME RAGGIUNGERE LA RISERVA

La Riserva di Punta Aderci, si trova  lungo la costa adriatica tra Casalbordino e Vasto, sulla strada che conduce alla zona industriale e artigianale. Si tratta di un’area di 285 ettari dove si alternano vigneti, oliveti, campi di grano e di girasoli che in primavera si accendono di colori cangianti, come su una tela di un pittore impressionista.

In primavera Punta Aderci è in uno stato di grazia

UN BALCONE SULL’INFINITO

La Riserva di Punta Aderci include un tratto di costa selvaggio delimitato dalla spiaggia di Mottagrossa, a nord, e il porto di Vasto a sud.
L’area di maggior interesse  è costituita dalla spiaggia di Punta Penna, dominata dal promontorio di Punta Aderci, un balcone naturale a picco sul mare, che offre una visuale a 360 gradi su tutta la riserva, fino alle vette innevate del Gran Sasso e della Majella. Memorabile!

Il trabocco di Punta Aderci

COSA FARE A PUNTA ADERCI

Punta Aderci è visitabile tutto l’anno e l’accesso è libero, e ad ogni stagione regala una peculiarità, ma ovviamente i momenti migliori per godere della sua bellezza a 360° sono la primavera e l’estate. Nella riserva è possibile camminare lungo sentieri sterrati, fare birdwatching e naturalmente andare al mare, giacché il tratto di costa è molto ampio. Le spiagge, non sono però a portata di mano, e per raggiungerle, bisogna fare un lungo tratto di strada a piedi, lasciando la macchina in un’apposita area di parking all’entrata della riserva. Non è ammesso l’accesso a nessun mezzo motorizzato, e sulle spiagge non ci sono servizi, ma d’altronde è proprio questo carattere selvaggio a tenere lontane dal grande pubblico quest’oasi naturale. Nonostante ciò, l’affluenza alle spiagge, durante la stagione estiva, è notevole, a testimonianza dell’eccezionalità del paesaggio naturalistico.

Inoltre si possono affittare canoe, biciclette e richiedere (su prenotazione) il servizio di visita guidata.

ALCUNE NORME E RESTRIZIONI

Purtroppo nelle spiagge di Punta Penna, Libertini e Punta Aderci è interdetto l’accesso ai cani, e l’unico tratto in cui i nostri amici sono ammessi è la spiaggia di In generale, in quanto Riserva Naturale  è vietata l’immissione di animali in libertà, la quale è tollerata solo per gli animali tenuti al guinzaglio.

Sembrava chissà quale paradiso perduto, e invece era “semplicemente” Abruzzo, precisamente la Riserva Naturale di Punta Aderci, uno degli scorci costieri più belli d’Italia!!! 

IL FARO DI PUNTA PENNE

A guardiano di quell’orizzonte mitico che spazia sul Mare Adriatico, c’è il Faro di Punta Penna, ultimo baluardo della spettacolare Costa dei Trabocchi.

Il faro di Punta Penna
Rocco D'Alessandro

Archeologo, laureato in Lettere Classiche, accompagnatore turistico professionista e traduttore, ama scrivere e fare sport di ogni genere. Animato da una passione spropositata per la Letteratura Latinamericana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *