CroaziaDestinazioni

CROAZIA: IL PARADISO NATURALE DELL’ISOLA DI MLJET (MELEDA)

La costa croata della Dalmazia è conosciuta anche come “Costa dalle mille isole”, un vero e proprio mondo naturale estremamente frastagliato che mette in mostra spiagge, località balneari, cittadine e paradisi esclusivi ancora interdetti al turismo di massa, come l’Isola di Mljet. Abbiamo avuto l’occasione di conoscerla approfonditamente durante il nostro ultimo viaggio nei Balcani, tra Croazia e Bosnia e ce ne siamo innamorati. Vi abbiamo trascorso tre notti e non ci siamo mai annoiati, giacché le cose da fare sull’isola sono tante e variano dalle attività sportive, come l’hiking, lo snorkeling, il kayaking, il noleggio di biciclette, alle visite culturali come quella al Monastero di Santa Maria di Meleda, che occupa un’intera isoletta situata al centro del Lago Grande (Veliko Jezero).

“In questo viaggio nei Balcani abbiamo incontrato tanti paradisi naturali, ma quello di quest’isola li batte tutti.
Un mondo incontaminato dove il mare incontra le foreste di pini creando un colpo d’occhio incredibile. Si dice che abbiano trovato pace sulla terra accogliente di Mljet anche personaggi leggendari, come Ulisse, quando cadde prigioniero della dea Calipso per ben sette anni, e San Paolo che, in seguito a un naufragio avvenuto nell’ anno 61 d.C., si fermò sull’isola a predicare il vangelo per tre mesi.”

UN PARADISO INCONTAMINATO

Meleda, in croato Mljet, è un’isola della Dalmazia, situata a sud della penisola di Sabbioncello e, assieme a Curzola e l’arcipelago di Lagosta, fa parte delle cosiddette isole Curzolane. L’isola è quasi interamente ricoperta da boschi di vegetazione mediterranea, e la parte nord-occidentale è protetta in quanto Parco Nazionale. Vi si trovano le principali attrazioni naturalistiche due laghi di acqua salata, collegati tra loro da uno stretto canale dove il flusso e riflusso delle maree crea dei singolari giochi di corrente. Tra l’altro, il fondale del lago piccolo (Malo jezero) si trova una delle maggiori concentrazioni di Pinna nobilis di tutto il Mediterraneo, mentre al centro del lago grande (Veliko jezero) si trova un’isola interamente occupata dal monastero benedettino di Santa Maria di Meleda, costruito tra il 1177 e il 1198 e oggi in disuso.

L’isola dove si trova il Monastero è raggiungibile in barchetta da Mali Most o Pristaniste e il viaggio è incluso nel biglietto d’ingresso al parco.

“La parte più spettacolare dell’isola è quella nord-occidentale occupata interamente da un Parco Nazionale. Per accedervi, e circolare sia con la macchina che con altri mezzi, è necessario pagare una quota d’ingresso. Potrete farlo direttamente in loco. Inoltre sull’isola è possibile dormire, mangiare e in alcune zone perfino accampare. Vari paesini sono sparpagliati lungo l’intero periplo dell’isola a interrompere la natura selvaggia, ma conviene scegliere quelli situati all’interno del Parco Nazionale. Polace è il più turistico.”

COME RAGGIUNGERE L’ISOLA DI MLJET

L’isola di Mljet è raggiungibile in vari modi, anche se non rapidissimi, motivo che la preclude ancora al grande turismo di massa. Considerate solo che quando l’abbiamo visitata noi, a fine giugno (quindi già alta stagione) una stanza in hotel ci è costata 27 euro a notte, e tra l’altro eravamo a Polace, nel territorio del Parco Nazionale.

L’isola non è dotata di un aeroporto, ma i collegamenti avvengono tramite l’aeroporto internazionale di Ragusa-Dubrovnik. Esistono linee di collegamento marittime con il porto di Stagno, nella penisola di Sabbioncello e con Dubrovnik, gestite dalla Jadrolinija. Il trasporto auto è possibile fino al porto di Suvra, mentre il trasporto passeggeri si effettua anche dall’approdo di Polače, nella parte settentrionale, già all’interno del Parco nazionale.
Noi siamo approdati sull’isola direttamente con la nostra macchina dal porto di Prapratno.

I TRASPORTI SULL’ISOLA

Inoltre, l’isola è attraversata da nord a sud da una strada asfaltata a due corsie, lungo la quale è disponibile anche un servizio di autobus che la percorre interamente (con partenza e arrivo al porto di Suvra) una volta al mattino presto e una volta in serata. Il servizio di taxi è disponibile, ma va prenotato telefonicamente e non sempre è disponibile immediatamente.

VUOI SCOPRIRE LA CROAZIA DA SOLO, MA NON TI SENTI SICURO O NON SAI COME FARE? 

Affidati a noi, siamo viaggiatori esperti, conosciamo molto bene questo paese, e saremo felici di mettere al tuo servizio la nostra esperienza.

SE VUOI SAPERNE DI PIU’ CONTATTACI AL NOSTRO INDIRIZZO MAIL info@vitaminaproject.com oppure VISITA LA NOSTRA PAGINA DEI SERVIZI, CLICCANDO QUI

Rocco D'Alessandro

Laureato in Lettere Classiche con specializzazione in Archeologia. Accompagnatore turistico professionista dal 2011. Docente Ditals 2° livello - Abilitato dall'Università degli Stranieri di SIENA. Traduttore letterario e vincitore del Premio Andersen 2019. Animato da una grande passione per la Letteratura Latinamericana e per l'Amazzonia. In possesso di un Master Universitario in Management del Patrimonio Artistico e Culturale (Università IULM) e di Master in Web Marketing (Università G.d'Annunzio CH-PE). Parla fluentemente Spagnolo, Inglese e Portoghese brasiliano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *