Messico

MESSICO: Xilitla e il giardino surrealista di Edward James

Situato nel cuore del paradiso naturale della Huasteca Potosina, a pochi chilometri dal Pueblo Magico di Xilitla, e avvolto dalla rigogliosa giungla messicana, il Giardino Surrealista di Edward James rappresenta uno dei più incredibili e originali capolavori artistici di tutta l’America Latina.

TUTTO NASCE DAI SOGNI, COME QUI A XILITLA

Edward James, personaggio eccentrico e generoso mecenate, legó a Xilitla una delle più incredibili opere dell’architettura fantastica.
Un Inno all’arte dell’immaginazione, inteso come processo inconscio inarrestabile.
Come volontà del suo creatore, in questo giardino incantato si manifestano le eco di un passato ancestrale e i riflessi di un non-tempo visionario, e si materializzano tutti i sogni più reconditi.

Come molti di noi, Edward James visse per i suoi sogni, ed entrare nel suo giardino significa incontrare anche i nostri. Un’esperienza unica che ci proietta in una dimensione parallela, che è poi quella a cui tutti noi aspiriamo a rientrare.

EDWARD JAMES E IL SUO PROGETTO VISIONARIO

Mecenate, artista e poeta scozzese, amico di Salvador Dalì e Bunuel tra gli altri, Edward James arriva in Messico nel 1944 per far visita al suo compagno di studi ai tempi di Oxford, Geoffry Gilmore, con in testa il progetto ben preciso di “creare un Giardino dell’Eden”.
Accompagnato da Plutarco Gastelum, che diventerà in futuro il suo braccio destro, sceglie un appezzamento di terra situato nelle immediate vicinanze del rio Santa Maria, a Xilitla, nel cuore della Huasteca Potosina, nel nord-est del Messico. Qui, secondo James, ci sono i presupposti ideali per dar vita al proprio sogno, ed è qui che effettivamente costruirà il famoso giardino surrealista, conosciuto come Las Pozas.
James vivrà qui fino alla sua morte (1984), ricevendo a Xilitla la visita di altri surrealisti, come la scultrice Leonora Carrington.

LA STRUTTURA DEL GIARDINO

Al varcare le soglie del Giardino, si viene colti da un senso di stupore generale, che solo le grandi opere d’arte sanno generare.
In uno spazio di circa 3 ettari emergono, perfettamente integrate nel rigoglio della selva, ben 36 sculture di cemento, le cui eclettiche geometrie danno vita a immagini visionarie e parabole fantastiche.
“Il sentiero dei 7 peccati capitali”, “il palazzo di bambù” e “la casa dei colombi” sono solo alcuni dei capolavori del giardino, la cui parte più spettacolare è certamente quella de Las Pozas. Si trovano qui cascate naturali e piscine di acqua turchese dove è possibile persino farsi il bagno.

COME RAGGIUNGERE IL GIARDINO

Il giardino surrealista di Edward James, conosciuto come Las Pozas, dal nome della località che lo ospita, si trova a pochi chilometri da Xilitla, Pueblo Magico e centro di antiche tradizioni. Basta infatti camminare per una mezz’oretta dalla piazza principale del paese per arrivare alle porte del giardino. O in alternativa, si può prendere un bus pubblico, o un taxi, che partono sempre dal centro città. Nello specifico, Xilitla è collegata tramite trasporto pubblico con Ciudad Valles e Rio Verde (Huasteca Potosina), e ovviamente con Città del Messico, da cui dista circa 9 ore.

QUANDO ANDARE

I Giardini di Edward James, in quanto Monumento Nazionale, sono oggi un’attrazione molto popolare, specie tra i messicani, e attirano ogni giorno migliaia di turisti, facendo registrare il massimo dell’affluenza durante il periodo pasquale ed estivo. Noi consigliamo di visitarlo in bassa stagione, evitando il week-end, quando effettivamente è più probabile incontrare grande affluenza e fare lunghe file in entrata.
Il costo del biglietto è di 100 Pesos Mexicanos a persona.

VUOI SCOPRIRE IL MESSICO DA SOLO, MA NON TI SENTI SICURO O NON SAI COME FARE?

Affidati a noi, siamo viaggiatori esperti, conosciamo molto bene queste zone, e saremo felici di mettere al tuo servizio la nostra esperienza. Pensa che abbiamo attraversato tutta l’America Latina da sud a nord, sfruttando solo mezzi di trasporti locali. Noi crediamo in un turismo più lento e responsabile, che privilegi il contatto con i popoli e la natura, e dia priorità all’esperienza diretta.

SE VUOI SAPERNE DI PIU’ CONTATTACI oppure VISITA LA NOSTRA PAGINA DEI SERVIZI, CLICCANDO QUI

Rocco D'Alessandro

Laureato in Lettere Classiche con specializzazione in Archeologia. Accompagnatore turistico professionista dal 2011. Docente Ditals 2° livello - Abilitato dall'Università degli Stranieri di SIENA. Traduttore letterario e vincitore del Premio Andersen 2019. Animato da una grande passione per la Letteratura Latinamericana e per l'Amazzonia. In possesso di un Master Universitario in Management del Patrimonio Artistico e Culturale (Università IULM) e di Master in Web Marketing (Università G.d'Annunzio CH-PE). Parla fluentemente Spagnolo, Inglese e Portoghese brasiliano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *