sant pere de rodes catalogna
CatalognaSpagna

CATALOGNA: LO SPETTACOLARE MONASTERO DI SANT PERE DE RODES

SANT PERE DE RODES: UN OLOGRAMMA MISTICO

Adagiato tra le altezze spigolose della Sierra de Rodes, situato poco più in basso delle rovine del Castello di San Salvador de Verdera, e nascosto da rocce impervie e ostili, spicca imponente, come un ologramma mistico, il grandioso monastero benedettino di Sant Pere de Rodes, un complesso architettonico risalente all’ VIII secolo d.C. esempio eccellente di stile romanico tra i meglio conservati di tutta la Catalogna.
Non a caso, infatti, Sant Pere de Rodes è il secondo monastero benedettino più visitato della regione, dopo quello di Poblet, ed uno dei siti più interessanti della provincia di Girona.

“La sua posizione strategica, con vista privilegiata sul Mar Mediterraneo, fa librare la fantasia oltre l’orizzonte e regala un salto suggestivo nel passato dei tempi medievali, quando il Monastero di Sant Pere de Rodes era considerato uno degli avamposti cristiani più inaccessibili di tutto l’Occidente.”

sant-pere

Nel suo periodo d’oro, tra XII e XIII secolo, vi viveva una comunità benedettina di 12 monaci, una specie di setta che arrivò a gestire enormi ricchezze. Nel monastero, inoltre, erano custodite la testa e il braccio destro di San Pietro Apostolo ( in Catalano, San Pietro si dice proprio Sant Pere), sacre reliquie che inevitabilmente attiravano qui pellegrini e fedeli da tutta Europa, e che oggi sono sparite senza lasciar taccia. Il Monastero di Sant Pere de Rodes, inoltre, si trova sulla direttrice che collega la Francia al resto della Spagna, e la sua posizione strategica, protetta da montagne e quasi a picco sul mare, permetteva di controllare eventuali offensive con largo anticipo. Vari furono i tentativi di assedio, specie da parte di turchi e pirati, ma mai nessuno in grado di impensierire la solidità della comunità benedettina; anche se poi, in seguito all’abbandono del sito, secoli dopo, il monastero fu depredato e depauperato delle più importanti ricchezze, fino a rimanere privo di qualsiasi gingillo. Rimane solo la spettacolare semplicità della sua imponenza, una visione grandiosa e indimenticabile.

catalogna

“Da qua sù si gode un panorama incredibile, la cui vista si imprime nella memoria in maniera indelebile, per lo meno così è successo a noi, per poi proiettarsi verso l’immensità dell’orizzonte. Il Monastero di Sant Pere de Rodes è una di quelle cose che non dovreste assolutamente perdere se state viaggiando alla scoperta della Costa Brava e, più in generale della Provincia di Girona.”

costa brava

TRA MARI E MONTI: UNA VISTA MOZZAFIATO

Sotto, molto più in basso, si scorgono l’incantevole borgo marinaro di Port de la Selva, convertitosi oggi in una delle località più esclusive della Costa Brava, e il Faro di S’Arnella. Ci troviamo, per intenderci, nei pressi delle insenature rocciose del Parco Naturale di Cap de Creu, non lontani da Figueres e dall’incantevole borgo di Cadaqués, nel cuore di uno dei più suggestivi paradisi naturalistici di tutta la Catalogna.
Arrivare qui significa attraversare una serie di strade strette e tortuose che però regalano bellissimi scorci paesaggistici!

Sant Pere de Rodes

LA VISITA DEL MONASTERO DI SANT PERE

Aldilà della spettacolarità della  location, però, vale certamente la pena fare una visita interna del Monastero: un complesso architettonico straordinariamente articolato, composto da chiostri, torri di avvistamento, da una cattedrale a croce latina a tre navate con tanto di abside e cripta sotterranea; e ancora da orti, stanze nascoste, passaggi segreti e scale anguste, insomma tutti i tratti tipici dell’architettura romanica tipica dell’XI e XII secolo.

sant-pere02

Qui viveva, come in un idillio una comunità benedettina molto influente composta simbolicamente da 12 monaci, con riferimento immediato ai 12 apostoli. Un luogo pieno di fascino, che rievoca immediatamente gli scenari cupi e affascinanti de “Il nome de la rosa”.

 

Rocco D'Alessandro

Archeologo, accompagnatore turistico e traduttore, ama leggere e fare sport di ogni genere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *