Italia

ABRUZZO FAVOLOSO: IL BOSCO INCANTATO DI SANT’ANTONIO

Il bosco di Sant’Antonio è un luogo magico che sprigiona poesia e rilascia incanto, vibrando di pura energia. E’ il regno naturale della fantasia dove gli spiriti degli alberi ti sussurrano nelle orecchie e comunicano direttamente con il tuo cuore.
Una volta entrati nel groviglio verde di alberi giganteschi e millenari, ci si rende immediatamente conto di aver trovato un luogo unico!

Noi l’abbiamo incontrato girovagando tra le montagne di quest’Abruzzo che non finisce mai di stupire, durante un viaggio on the road che ci ha rivelato (e continua a rivelarci) tanti segreti sensazionali, come le spettacolari Gole di Fara San Martino, non lontane da qui.

“Il Bosco di Sant’Antonio è una delle faggete più belle d’Italia che dà il meglio di sé in autunno. In questo periodo gli alberi presenti si tingono di colori meravigliosi, che vanno dal giallo ocra al rosso vivo, mettendo in scena un’opera naturale di rara suggestione. In estate e in primavera, invece, è l’ideale per un pic-nic in famiglia e con gli amici.”

TRA ANTICHI EREMI E FAGGI SECOLARI

Si tratta di una spettacolare faggeta secolare, tutelata come Riserva Naturale e situata nel cuore del Parco Nazionale della Majella, a circa una decina di km da Pescocostanzo.
Punto di partenza in estate per escursioni e passeggiate a cavallo,
in inverno è luogo ideale per la pratica dello sci di fondo ed itinerari escursionistici.

Luogo sacro dedicato a Giove già in epoca preromana, fu poi scelto da santi eremiti per isolarsi dal mondo e dedicarsi esclusivamente a meditazione e preghiera. Infatti, inoltrandosi per circa 500 metri lungo il sentiero segnalato, si giunge all’eremo di Sant’Antonio. Si tratta in realtà di una piccola chiesa rurale di epoca medievale (molto ben conservata), dedicata a Sant’Antonio Abate, uno dei Padri del monachesimo cristiano, la cui figura è da sempre accostata a luoghi isolati e desolati, come deserti e boschi. Non a caso, il Bosco di Sant’Antonio era un “Bosco Difesa”, ovvero un luogo pubblico dove venivano custoditi gli animali domestici della comunità Pescolana.

“Il Bosco di Sant’Antonio si estende per 17 ettari tra le dorsali del Monte Pizzalto e del Monte Rotella. Offre un incredibile scenario di faggi secolari dalle forme bizzarre, nell’area anche l’Acero campestre, il Pero selvatico, il Ciliegio il Carpine nero, il Tasso.”

VUOI SCOPRIRE L’ABRUZZO IN SOLITARIA? CONTATTACI, L’ITINERARIO TE LO FACCIAMO NOI

Affidati a noi, siamo viaggiatori esperti, conosciamo molto bene tutte le zone di cui parliamo, e saremo felici di mettere al tuo servizio la nostra esperienza. Noi crediamo in un turismo più lento e responsabile, che privilegi il contatto con la gente e la natura, e dia priorità all’esperienza diretta.

SE VUOI SAPERNE DI PIU’ CONTATTACI oppure VISITA LA NOSTRA PAGINA DEI SERVIZI, CLICCANDO QUI

Rocco D'Alessandro

Archeologo, laureato in Lettere Classiche, accompagnatore turistico professionista e traduttore, ama scrivere e fare sport di ogni genere. Animato da una passione spropositata per la Letteratura Latinamericana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow Vitamina Project on Instagram
This error message is only visible to WordPress admins

Error: API requests are being delayed. New posts will not be retrieved.

There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

There may be an issue with the Instagram Access Token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

Error: No posts found.

Make sure this account has posts available on instagram.com.