Riflessioni

COME TRASFORMARE IL FREDDO IN OPPORTUNITA’

L’inverno è entrato solo da pochi giorni, ma molti di noi già non ne possono più del freddo, e guardano all’estate come un miraggio lontanissimo, affranti dal dover affrontare ben 3 mesi, o anche di più, di gelo!!!

Ma se vi dicessimo che il freddo può essere un’opportunità per migliorare la nostra salute e fortificare il nostro corpo?

D’accordo, è notorio che in inverno le nostre difese immunitarie si abbassano, e diventiamo più esposti e vulnerabili, aumentantando la possibilità di prendere influenze varie. Siamo convinti, però, che questo discorso non vale per tutti, e vale ancor meno per un corpo sano e funzionale. In questo caso, infatti, il freddo non sarà una minaccia, ma un’esperienza costruttiva.

LA NOSTRA ESPERIENZA SPAGNOLA, SENZA RISCALDAMENTO

Facciamo una premessa, però: l’idea di scrivere un articolo sul freddo invernale, nasce dal fatto che nel nostro appartamento di Barcellona non abbiamo fonti di riscaldamento, come d’altronde in molti degli appartamenti catalani. Così che l’unica occasione per riscaldarci deriva da stufe elettriche o a gas! La motivazione è semplice: si tratta per lo più di case antiche, restaurate, e in passato, le case erano prive di riscaldamento, in parte perché durante l’anno le temperature sono principalmente miti, in parte perché non esistevano tutti i confort che abbiamo oggi.
Perciò, anche se oggigiorno ci sembra una cosa incredibile, o peggio, improponibile, la realtà era questa, realtà che non è cambiata affatto per alcuni di noi!

QUALI SOLUZIONI?

Questa condizione, effettivamente poco gradevole, che inizialmente ci spaventava, con il passare del tempo ci ha portato ad affrontare la questione in maniera propositiva, come d’altronde facciamo quando viaggiamo. Escludendo, quindi, per motivi economici, l’utilizzo di stufe elettriche (che spesso incidono di molto sulle bollette), abbiamo cominciato a pensare a come passare la stagione invernale, senza che essa diventasse un incubo! La risposta, come sempre, ce l’ha data la nostra esperienza da viaggiatori.

“Premettiamo, anche, che non siamo medici, e non abbiamo l’autorità per dare consigli a nessuno, siamo però degli esseri umani che ascoltano quotidianamente il proprio corpo, e che recepiscono i suoi messaggi. Tutto ciò che condividiamo qui è, quindi, frutto della nostra esperienza e delle osservazioni dirette sul NOSTRO CORPO, e come tali vanno considerate. Siamo altresì convinti che ognuno di noi è in grado di ascoltare e parlare con il proprio corpo, che in quanto macchina perfetta, sa come affrontare qualsiasi situazione che ci riguarda. Spesso, le risposte le abbiamo dentro di noi!”.

CONSIGLI PRATICI E TECNICHE UTILI PER AFFRONTARE IL FREDDO

Dopo alcune, doverose premesse, necessarie a chiarire il quadro del nostro contributo, passaimo alla fase operativa, elencando, quelli che SECONDO NOI, sono consigli utili per convivere attivamente con il freddo invernale, senza che esso sia una fastidiosa minaccia, bensì un’opportunità.

1. FARE ATTIVITA’ FISICA QUOTIDIANA

Condizione fondamentale per mantenerci forti e sani, è praticare attività fisica quotidiana, o quanto meno costante (almeno 3-4 volte a settimana). Non c’è bisogno di fare sport estremi, può andar bene anche semplicemente camminare a passo rapido. Noi per esempio, da quando la pandemia ha reso molto complicato andare in piscina, ci dedichiamo principalmente a camminare. Una decina di chilometri al giorno, più o meno, su terreni di varia pendenza, che prevedano pianura, salite e scaloni, meglio se in natura!
L’attività sportiva, oltre a rendere il nostro corpo tonico, favorisce l’ossigenazione del sangue, con tutte le conseguenze salutari che ciò comporta. Su quali esse siano, però, consultate il vostro medico di fiducia. Siamo sicuri che confermerà la nostra tesi.

2. ALIMENTARSI BENE

Una buona attività sportiva avrebbe poco senso, se non fosse supportata da una corretta alimentazione, laddove per corretta intendiamo, sensata e variegata. La chiave della risposta risiede, evidentemente, nella dieta mediterranea, i cui benefici sono risaputi e consistono nel bilanciare i vari alimenti: alternare quindi proteine, vitamine e carboidrati, elementi che possiamo “re-investire” poi nell’attività sportiva.

“Anche in questo caso, non vogliamo sostituirci a medici e dietisti, questo che vi stiamo descrivendo è semplicemente la nostra dieta. Qualora la vostra sia molto diversa, consultate prima il vostro medico di fiducia per conferme varie.”

Dare per esempio preferenza a frutta e verdura di ogni tipo, che contengono vitamine, polifenoli, antiossidanti, tutti elementi che concorrono a contrastare l’invecchiamento del corpo e a rinforzare il nostro sistema immunitario. Anche le proteine sono importanti, e personalmente le acquisiamo dai legumi e dalle uova, e ogni tanto, ma molto raramente, ci concediamo una bella bistecca. Ridurre poi al minimo alcol e cibi fritti escludendo totalmente, se possibile, bibite gasate e dolciumi industriali. Molto meglio la torta della nonna.
Ultimamente, stiamo traendo grande giovamento da semi e frutti secchi, come nocciole, mandorle, noci, semi di lino, di girasole e di chia. Questi ultimi rigorosamente crudi, e che non abbiano subito processi di cottura ad alte temperature. Semi e frutta secca sono grandi fonti di fibre, vitamine e Omega 3, 6 e 9, fondamentali per le attività cerebrali e di concentrazione.

3. FARE ESERCIZI DI RESPIRAZIONE

Nell’ultimo anno abbiamo scoperto quanto sia importante curare la respirazione, facendo degli esercizi appositi.
Decisivo è stato “l’incontro” con Wim Hof, meglio noto come Iceman, un personaggio incredibile che ci ha introdotto ad alcune semplici pratiche quotidiane di respirazione e di contatto diretto con il freddo.

“Non siamo noi a dirlo, ma è risaputo, la respirazione consapevole migliora la funzionalità cardiovascolare, polmonare e del sistema linfatico; consente una maggiore ossigenazione dei tessuti; riduce l’ansia e lo stress; migliora la postura fisica; consente un maggiore controllo su se stessi; concilia il sonno.”

Il Wim Hof Method è un metodo basato sul freddo, che permetterebbe di consolidare il sistema immunitario e assicurare una serie efficace di miglioramenti sia fisici che mentali, come l’aumento dell’energia, la riduzione dello stress, la resistenza alle malattie, il recupero più rapido dopo gli allenamenti, e anche l’accelerazione del metabolismo.
Basi di questa tecnica sono la respirazione, la docce fredde, lo stretching e la meditazione, da praticare con assoluta costanza.

4. I BENEFICI PSICO-FISICI DELLA MEDITAZIONE

L’accenno al Wim Hof Method, ci dà l’occasione per collegarci ad un’altra pratica che, ci sta cambiando la vita in meglio, e soprattutto ci sta permettendo di ampliare le nostre prospettive: la Meditazione.
La meditazione, non sapremmo spiegarvi esattamente perché, ma a riguardo c’è molta letteratura, è diventata per noi un punto fermo, e quando la pratichiamo, di solito al mattino, prima di inziare la giornata, ci da un’energia icredibile, oltre a farci circolare il sangue, dandoci una sensazione di formicolio e riscaldamento. Sarà l’energia che, stimolata, attiva tutti i nostri chakra. Non ci dilunghiamo troppo, perché, potete trovare in giro per il web pareri più autorevoli dei nostri, ma ci tenevamo a testimoniarvi gli effetti che la meditazione ha su di noi.

“Per essere più precisi, per meditazione intendiamo Yoga, meditazione statica, pranayama e 5 Tibetani. A quest’ultimi siamo particolarmente legati, perché ci danno dei benefici immediati. Li facciamo appena svegli e prima dei vari esercizi di meditazione. Essi hanno il potere di attivare contemporaneamente i 7 Chakra, mantenendo sempre alta l’energia vitale.”

L’IMPORTANZA DI VESTIRSI A STRATI

Terminiamo la nostra rassegna di consigli pratici per affrontare al meglio il freddo, con una puntualizzazione: vestirsi bene, per mantenere il calore corporeo. Sembra scontato, ma non lo è, in inverno è bene vestirsi adeguatamente alla stagione invernale, e quindi utilizzare i tessuti giusti, come la lana. Inoltre, negli uffici, nei negozi e negli uffici pubblici, il riscaldamento è sparato a palla, così che sarà fondamentale vestirsi a strati, per evitare di rimanere vittima di colpi d’aria allorquando saremo costretti a uscire fuori. Soprattutto mantenere mani, piedi e testa sempre caldi.

Come sempre, è tutta questione di organizzazione e prevenzione!

CONCLUSIONI

In conclusione, la pratica quotidiana di tutte queste attività ci servirà per vivere la stagione invernale con maggior naturalezza, giacché tutto dipende da come percepiamo le cose, e quindi da come le viviamo.
Noi, da quando conduciamo questo stile di vita, ci sentiamo bene e forti! D’altrondo con un corpo caldo non avremo nemmeno così tanto bisogno di mantenere a palla il riscaldamento di casa per tutto il giorno, aiutando, per quel che ci è possibile, anche il Pianeta.

Rocco D'Alessandro

Laureato in Lettere Classiche con specializzazione in Archeologia. Accompagnatore turistico professionista dal 2011. Docente Ditals 2° livello - Abilitato dall'Università degli Stranieri di SIENA. Traduttore letterario e vincitore del Premio Andersen 2019. Animato da una grande passione per la Letteratura Latinamericana e per l'Amazzonia. In possesso di un Master Universitario in Management del Patrimonio Artistico e Culturale (Università IULM) e di Master in Web Marketing (Università G.d'Annunzio CH-PE). Parla fluentemente Spagnolo, Inglese e Portoghese brasiliano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *