ragazza-con-la-valigia
Pre Partenza

Come preparare la VALIGIA

E ora, che metto in valigia ?!

Domanda abbastanza semplice da mettere in difficoltà chiunque 😉
Noi siamo abbastanza sicuri di affermare che bisogna viaggiare il più leggeri possibile, se non altro per tutelare la vostra schiena, che a lungo andare potrebbe recriminare.

Viaggiare leggeri, però, non significa rinunciare né alla funzionalità, né alla comodità.

Ma questo zaino per chi è?!

Con questo articolo ci riferiamo a tutti i viaggiatori che stanno pensando a come organizzare al meglio la propria valigia, probabilmente avete in mente un viaggio che attraverserà più di un paese o diverse zone di un paese che magari si trovano ad altezze diverse, probabilmente passerete per diversi climi oppure, vi state muovendo da zone tropicali a zone più montane come può tranquillamente accadere in paesi come l’Ecuador, la Colombia, il Brasile e molti altri paesi dell’America Latina.
Durante questo viaggio vi ritroverete a fare dei trekking di qualche giorno, poi avrete modo di sguazzare in acque meravigliose di fiumi, laghi, di mare o di oceano, scoprirete città grandi e piccole…insomma, sarete un pò dappertutto ed è proprio questo il bello del viaggio !
Sì però…in valigia non posso metterci tutto..!

Vi capiamo perfettamente ! 😉
In un anno di viaggio ci siamo ritrovati nelle situazioni più diverse e lo spazio a disposizione era sempre lo stesso: la valigia con la quale siamo partiti.viaggiatore valigia

Ecco qui di seguito allora una lista delle cose che, secondo noi, non devono mai mancare ad una vero viaggiatore.

  1. Prima regola: rinunciare al superfluo
  2. Seconda regola: impostate il vostro zaino o valigia, come se doveste stare in viaggio per 10 giorni. 
    Ci riferiamo alla biancheria intima e al numero di cambi giornalieri.
  3. Terza regola: cercate di vestirvi a strati o a “cipolla”! e’ il modo migliore per non portarsi dietro roba troppo ingombrante ed avere più pezzi d’abbigliamento che vanno bene sia da soli, se il clima è mite, sia insieme quando il clima è rigido proteggendovi dal freddo.

Partendo da questa base, andremo a riempire il nostro bagaglio ( noi prendiamo a riferimento uno zaino a spalla della capienza di 70 litri ) con l’occorrente per ogni evenienza.

  • Giacca in tessuto tecnico che sia leggera da portare ma che vi protegga quando è necessario.
    Un esempio di questo tipo di giacche, sono quelle in gorotex ( per i climi più freddi ) o in neoprene (per climi meno freddi ma comunque piovosi e/o ventosi )
  • Una o due maglie di tessuto tecnico. Sono utilissime sia durante la notte quando ci sarà escursione termica, sia durante il giorno se vi ritroverete ad affrontare climi più freddi e ventosi.
  • un ki-wi, occupa poco spazio ed è utilissimo soprattutto nella stagione delle piogge quando brevi e improvvisi acquazzoni sono sempre dietro l’angolo. Lo potete indossare e togliere con facilità assicurandovi un riparo e si asciuga altrettanto facilmente.

Considerate che anche nei climi tropicali può esserci sbalzo termico tra giorno e notte .

  • Un asciugamano grande e uno piccolo, possibilmente in microfibra che occupa 1/4 dello spazio e si asciuga molto velocemente.
  • Una sciarpa, un foulard, un pareo o una felpa da utilizzare principalmente quando viaggiate in autobus, dove l’aria condizionata è quasi sempre molto forte, specie nelle lunghe tratte.
  • Una camicia di lino o di cotone a maniche lunghe per proteggervi dal sole diretto e dagli insetti.
  • Pantaloni lunghi soprattutto se vi troverete a fare trekking in mezzo alla foresta. Un paio di pantaloni lunghi e leggeri vi permetteranno di rimanere freschi e, allo stesso tempo, di non farvi pungere da insetti e quant’altro.
  • Costume da bagno, occhialini.
  • Infradito, utilissime! Sarà la cosa che vi risulterà più indispensabile…vedrete.
  • Scarpe da ginnastica e/o scarpe da trekking. Se non volete portare le scarpe da trekking perchè non vi risultano indispensabili o vi occupano troppo spazio, vi consigliamo di portare un secondo paio di scarpe da ginnastica che siano comode e adatte a diversi terreni. E’ sempre molto importante dare al piede una “seconda possibilità”.
  • Sacco a pelo, cuscino gonfiabile.
  • Lenzuolo e fodera per cuscino a noi piace pensare di portarci dietro un “pezzettino di casa” mentre viaggiamo e un pò come Linus, decidiamo di portarci la federa per un cuscino e un lenzuolo, magari singolo che occupa meno spazio.
  • Cappello e occhiali da sole. Un cappello o un foulard sono necessari non solo per chi non ha capelli ma anche per chi ne ha, in climi caldi ti permette di tener protetta la testa, di sudare di meno e nei climi freddi ti protegge dal freddo.

viaggiare in bus con cappello

OGGETTI UTILISSIMI:

  • Crema solare.
  • Repellente per gli insetti che però, è meglio procurarsi direttamente sul posto perchè risulta più efficace e soprattutto, più specifico.
  • Kit di emergenza con una piccola infermeria dove non possono mancare cerotti e acqua ossigenata, una pomata per gli strappi e poi qualche medicina o rimedio naturale che ritenete indispensabile. Tenendo conto che durante un viaggio può capitare di prendere la febbre o di esser colti da un gran mal di pancia… 🙂
  • Lucchetto, vi serve per chiudere la valigia quando la montate su qualunque mezzo di trasporto, chiudere l’armadietto del vostro ostello ecc ecc…
  • Coltello multiuso, corda, torcia, tre cose che soprattutto durante i camping e le escursioni vi torneranno molto molto utili.
  • Luce portatile da lettura. Avete presente quelle simpatiche lucine che si attaccano sulle pagine dei libri e che vi permettono di leggere in luoghi di totale oscurità?! Ecco, se siete degli assidui lettori, ma anche se non lo siete, questa è una cosa che può tornare molto pratica, soprattutto durante le lunghe trasferte in bus o con qualunque altro mezzo.
  • Adattatore universale.
  • Cappa impermeabile che protegga lo zaino dalla pioggia.
  • Sacchetti di plastica, sempre molto utili se dovete metterci dentro cose bagnate oppure vi trovate in un luogo naturale meraviglioso dove però non ci sono cestini, in quel caso il sacchetto vi sarà indispensabile, e soprattutto contribuirà a tener pulito l’ambiente. 😉
  • Binocolo.
  • Un asciugacapelli anche per i non capelluti perchè si rivelerà fondamentale per asciugare gli indumenti.

Inoltre considerate di affiancare al vostro bagaglio grande un piccolo zaino che potete portare sempre con voi, dove mettere i documenti, oggetti personali e tecnologia varia.

Per quanto riguarda documenti, carte di credito e soldi, vi consigliamo vivamente di tenerli SEPARATI dal resto e, se possibile, separati tra loro, utilizzando piccoli escamotage come i marsupi invisibili o le tasche interne della giacca; in questo modo renderete la vita un pochino più difficile a chi ha intenzione di giocarvi un brutto tiro.

moneybelt.jpg

A questo punto…BUON VIAGGIO !

 

Giulia Magg

Fotografa professionista, viaggiatrice, blogger. Poliglotta che ama gli animali e adora stare in contatto con la natura. ;-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *