Destinazioni

Un Viaggio lungo tutta l’America Latina, tanti paesi, colori e culture differenti

Darrien-Gap
ColombiaIn viaggioPanama

COME PASSARE LA FRONTIERA COLOMBIA-PANAMA

Il Darien Gap 

Come tutti saprete la frontiera Colombia-Panama è tra le più complesse dell’intero continente.

Tra i viaggiatori si è prodotta molta letteratura attorno a questo tema, ma nonostante ciò l’argomento continua ad essere tra i meno chiari in assoluto. Il problema è che la frontiera terrestre Colombia-Panama NON ESISTE, anzi non è mai esistita.

A dividere i due Stati una giungla fitta e impenetrabile chiamata Darien che costituisce un intera regione, per la maggior parte inesplorata. Anche la Panamericana si interrompe in questo tratto e non c’è modo di attraversare questa zona, a meno che non vi aggreghiate ad una esplorazione guidata o non siate narcotrafficanti, che a quanto dicono scorrazzano felicemente in tutta la regione. Perciò l’unico modo di passare il confine è VIA MARE!

Frontiera-Colombia-Panama
Ma come si fa a passare la frontiera Colombia-Panama senza prendere aerei?

Noi di Vitamina Project (per conoscere nostro progetto clicca qui) l’abbiamo fatto di persona e vi passiamo volentieri tutte le informazioni necessarie.

Cominciamo col dire che da Cartagena de Indias non esistono Ferry o servizi pubblici che coprono la tratta con Panama. (nel 2014 è esistita una compagnia che faceva questa tratta, tra l’altro a prezzi decenti, 90 dollari per persona, ma non opera più da svariati mesi).
Da Cartagena le uniche imbarcazioni che vi permetteranno di arrivare in territorio panamense sono i velieri che vi offrono pacchetti turistici di 5-7 giorni abbastanza cari, con cifre che si aggirano attorno ai 500-600 dollari a persona per condurvi nel bellissimo arcipelago di San Blas, oggi giorno chiamata Comarca de Kuna Yala

A Cartagena de Indias nessuno vi darà informazioni di come passare la frontiera per vostro conto via mare, ma la soluzione più comune per farlo è innanzitutto raggiungere il porto di Turbo, con un bus diretto dal terminal terrestre di Cartagena.

Il viaggio è lungo e faticoso, per via degli infiniti stop che il bus farà per raccattare passeggeri, in linea con tutti gli altri bus colombiani. Il tragitto dura più o meno 7 ore.

Frontiera-Colombia-Panama01

Turbo è una città di passaggio e di solito è descritta come molto pericolosa, ma in realtà è solo brutta e caotica, e a noi ci è parsa tra l’altro sicura anche di notte, ma sono impressioni personali.

Da Turbo dovrete prendere una lancia rapida per raggiungere Capurganà, di solito ne parte 1 al giorno intorno alle 8.30 del mattino.

Capurganà è un grazioso e tranquillo villaggio di pescatori, per altro anche abbastanza turistico.

È qui che potrete registrare il vostro marchio di uscita dalla Colombia e spostarvi sempre in barca, ma molto più piccola, a Puerto Obaldia, prima città di Panama!

 

ALCUNE RACCOMANDAZIONI :

1) Innanzitutto  il porto di Turbo chiude alle 16, quindi è molto probabile che dovrete passare la notte qui in attesa della prima barca della mattina, di solito intorno alle 8 del mattino. Nessun dramma, perché potrete scegliere tra hotel e ostelli vari, più o meno cari, più o meno sporchi!

2) Vi consigliamo di comprare il passaggio il giorno stesso in cui arrivate perché le barche che vanno a Capurgana sono sempre piene. Se arrivate quando il porto è già chiuso, no problem! Il mattino seguente fate in modo di presentarvi al porto intorno alle 6.30 e comprate i biglietti. Nel prezzo del biglietto avete compresi 10 kg di bagaglio, perciò se eccedete nel peso dovrete pagare una sovrattassa.

3) La barca impiegherà 3 ore per raggiungere Capurganà e questo tragitto non sarà facile perché tutto in mare aperto, e spesso affrontando onde molto alte, a seconda della stagione. A dicembre le onde sono gigantesche!!!!
Perciò, se potete, evitate di sedervi a prua o nei posti più avanti, sono molti i casi di gente che arriva a Capurgana con la schiena distrutta, per via dei contraccolpi della barca e della maniera barbara dei piloti di guidare.

Una signora che viaggiava con noi ha preso una botta talmente forte da gridare per il dolore fino all’arrivo a destinazione. A Capurgana in tutti i casi c’è un pronto soccorso “preparato” (?!?) o meglio abituato a gestir questi casi.

Donne incinta : evitate questo passaggio, se volete andare a Panama, prendete un volo!

4) A Capurgana potrete registrare la vostra uscita dalla Colombia.

porto capurganaDa Capurgana dovrete poi prendere una barchetta per andare a Puerto Obaldia ( già Panama), il tragitto dura 30-40 minuti ed in questo caso non dovrete preoccuparvi del mare agitato perché le piccole imbarcazioni aderiscono molto meglio alle onde delle lance rapide. Ci sono di solito una al massimo due orari al giorno, entrambi rigorosamente la mattina.

5) Una volta a Puerto Obaldia il più è fatto, ma avrete ancora altre accortezze da prendere: Innanzitutto al vostro arrivo preparatevi ad attendere nel cortile di arrivo, perché gli ufficiali panamensi vi faranno smontare tutte le vostre valigie, per perquisirle, senza possibilità di eccezione!!!! È un’operazione noiosa e fastidiosa ma fa parte della loro prassi. Dopo il controllo vi manderanno all’ufficio immigrazione, che si trova nel centro del paesino di Puerto Obaldia. È probabile che vi chiederanno una carta di credito o 500 dollari contanti quale dimostrazione della vostra permanenza nel paese. In alcuni casi potrebbero chiedervi anche un comprovante del volo di uscita da Panama. Ma per i turisti europei, in genere, non sono così fiscali!

Una volta timbrato il vostro passaporto siete ufficialmente a Panama, ma da Puerto Obaldia non avrete tante possibilità di muovervi: o prendete una lancia rapida fino a Carti ( rapida si fa per dire visto che tarda almeno 8 ore ) del valore di 110 dollari a persona e poi da Carti fino a Panama City in macchina ( taxi collettivi ) ; oppure un volo aereo con un biplano fino alla capitale, ma in questo caso dovrete riservare il volo giorni prima perché i posti terminano subito.

Capurganà-ColombiaATTENZIONE!!!

Oltre alla rotta Cartagena-Turbo-Capurgana, c’è un’altra possibilità di raggiungere la frontiera:

il porto di NECOCLI’, che si trova poco a nord di Turbo.

Qui pare, ma non abbiamo testimonianze dirette, che sia nata un’altra società di servizi, competitor quindi dei motoscafi di Turbo, che da la possibilità di arrivare a Capurgana, da Cartagena, tra l’altro con barche molto più attrezzate e idonee dei motoscafi di Turbo, con i quali come è detto non raro, invece, prendere colpi fatali alla schiena. Noi purtroppo abbiamo saputo di questa seconda opzione solo una volta arrivati a Capurganà…

Perciò se potete informatevi da Cartagena su come raggiungere Necoclì, ma in questo caso siamo certi che ci sono autobus che collegano Cartagena a Necoclì.

Bene, questo è il quadro, crediamo completo, di come passare la frontiera Colombia-Panama, speriamo di esservi stati utili

panama-vitamina-project

VUOI SCOPRIRE L’AMERICA LATINA DA SOLO, MA NON TI SENTI SICURO O NON SAI COME FARE? 
Affidati a noi, siamo viaggiatori esperti, conosciamo molto bene queste zone, e saremo felici di mettere al tuo servizio la nostra esperienza.
Pensa che abbiamo attraversato tutta l’America Latina da sud a nord, sfruttando solo mezzi di trasporti locali. Noi crediamo in un turismo più lento e responsabile, che privilegi il contatto con i popoli e la natura, e dia priorità all’esperienza diretta.
SE VUOI SAPERNE DI PIU’ CONTATTACI AL NOSTRO INDIRIZZO MAIL info@vitaminaproject.com oppure VISITA LA NOSTRA PAGINA DEI SERVIZI, CLICCANDO QUI

 

Arcipelago Marau-Barra Grande
30Mar
BahiaRacconti di viaggio

VERSO IL REMOTO ARCIPELAGO DI MARAU…A BORDO DI UN AUTOBUS BAHIANO – Barra Grande – Bahia – Brasil

Quasi 400 chilometri a nord di Porto Seguro, e poco più di 200 chilometri a sud di Salvador, giace incontrastato e tranquillo, come una perla incastonata in un’ostrica nel profondo degli abissi,...

RioParanà-Rosario-Argentina8
09Mar
ArgentinaRacconti di viaggio

ROSARIO SUL FIUME PARANÀ

Rosario e la comunità italo-argentina L’operazione Vitamina Project riparte dopo ben 10 giorni di Buenos Aires. La seconda tappa ci vede ospiti di una città strana, dai forti contrasti e...

Curitiba-Brasil13
19Feb
BrasileRacconti di viaggio

Curitiba, la “Città Verde” del Brasile

Io e Giulia amiamo molto gli animali, ma ce ne sono alcuni che hanno su di noi un potere particolare e, pur di incontrarli, saremmo capaci di andare in capo al mondo. Tra questi animali c’è...

Vista su Balneario Camboriou
12Feb
BrasileRacconti di viaggio

Balneario Camboriou, una sosta imprevista – Balneario Camboriu – S. Catarina – Brasil

Avevamo salutato Florianopolis un po’ a malincuore. Lasciare quel paradiso non era stato per nulla semplice. La curiosità di ripartire per una nuova destinazione, però, anche questa volta aveva...

Florianopolis-Brasil17
05Feb
BrasileRacconti di viaggio

Florianopolis, un paradiso in Brasile

Mi piace iniziare questo racconto riprendendo una frase di Giulia; semplice ma efficace: “Florianopolis è un luogo meraviglioso, e come ogni luogo incantato che si rispetti è un isola!”...

Flores da Cunha-Brasil15
28Gen
BrasileRacconti di viaggio

LA SERRA GAUCHA, UN ANGOLO D’ITALIA…IN BRASILE – Flores da Cunha – Rio Grande do Sul – Brasil

Domenica d’estate, un sole luminoso domina il cielo terso, un brusio di voci e risa movimenta la stasi del caldo meriggio e un irresistibile profumo d’arrosto si fa strada nell’aria...

Porto Alegre-Brasil06
15Gen
BrasileRacconti di viaggio

Porto Alegre, una sorpresa sul Lago Guaiba

Sono quasi le nove di sera e la giornata volge al termine. Un tramonto fluorescente avvolge Porto Alegre, e dalle sponde del lago Guaiba vivo, immerso in quei colori, un’esperienza quasi...

Cabo Polonio-Uruguay05
13Gen
Racconti di viaggioUruguay

Uruguay| La Coronilla, il Cerro Verde e la ONG Karumbè

L’Uruguay ci aveva riservato sino ad allora emozioni uniche. Soprattutto il contatto con la sua parte naturale ci aveva impressionato. Tutto capitó al momento giusto. Eravamo in fuga dalla città,...

Pelotas-Brasil17
09Gen
BrasileRacconti di viaggio

IL NOSTRO BRASILE COMINCIA DA PELOTAS – Rio Grande do Sul – Brasil

Rimarrà memorabile il nostro ingresso in Brasile, a cavallo di un Wolksfagen-Westfalia ed in piena notte, una notte afosa e silenziosa, passata a sognare un futuro molto vicino, e ad aspettare che...