America del SUD

valle-del-chota-02
Ecuador

ECUADOR: Viaggio tra le comunità afro-ecuadoriane di San Lorenzo e Valle del Chota

Un patrimonio culturale davvero interessante

valle-del-chota-04

“E’ come un sole interiore che illumina di semplicità le nostre coscienze erranti”

Nelle regioni settentrionali dell’Ecuador (Esmeralda, Imbabura, Carchì), quasi al confine con la Colombia, vivono isolate e nascoste alcune comunità di origine africana che accolgono il viaggiatore straniero con estrema cordialità, come solo le genti di pelle nera sanno fare.
Per la verità, da queste parti ne giungono pochi di forestieri, ma quei pochi che vi arrivano si trovano sicuramente a proprio agio, immersi in una dimensione di ideale rilassatezza, anche se il paesaggio non è proprio idiliaco. Qui la natura è estrema, e si passa dal rigoglio lussureggiante delle mangrovie di San Lorenzo, dove si trovano i manglares più alti del mondo, alle vallate secche e aride della Valle del Chota, dove dominano polvere e sole.

Valle-del-Chota

Si tratta fondamentalmente di due territori differenti, giacchè quello che fa capo alla città di San Lorenzo, si trova nella provincia di Esmeralda, sul versante pacifico, mentre la Valle del Chota fa parte dei territori interni compresi tra le province di Imbabura e Carchì. Due areali ben distinti che però hanno in comune il fattore etnico.

Un passato cruento, un presente sereno

san-lorenzo-ecuador-04

La presenza di comunità di origine africana in queste zone è un’eredità diretta dei lugubri tempi della Conquista, quando Gesuiti e Mercenari trascinarono con la forza intere popolazioni dall’Africa, per impiegarle nelle miniere e nelle piantagioni.
Oggi queste comunità, seppur isolate, vivono in armonia con l’ambiente circostante e con il clima caldo-umido (a tratti torrido) di queste regioni, seguendo i ritmi placidi della natura; ciò che più colpisce è proprio il senso di tranquillità di questa gente, anche se vivere qui non è affatto semplice.
Le giornate fluiscono tranquille, e le strade sono sempre desolate per gran parte del giorno, salvo poi popolarsi di nuova vita al calar del sole. D’altronde, sia nei territori di San Lorenzo, che in quelli della Valle del Chota, il clima è implacabile, e solo il sangue africano che scorre nelle vene di questa gente ha fatto sì che esse si adattassero a simili condizioni climatiche.

rio-chota

La Valle del Chota, come arrivare e cosa fare

rio-chota-02

La Valle del Chota si trova nella conca del Rio Chota, unica fonte di acqua in un mare di polvere. Ci troviamo tra le province settentrionali di Imbabura e Carchì, in una regione povera e carente di risorse. Nonostante tutto vive qui una comunità nera di circa 25.000 abitanti, che a suo tempo fu costretta a rifugiarsi in queste zone impervie per fuggire di fatto alla morsa della schiavitù.
Si giunge qui con trasporto pubblico da Ibarra (capoluogo della provincia di Imbabura), da cui siamo distanti circa 35 km (circa 90 km da Tulcan e dalla frontiera con la Colombia). I pochi viaggiatori che arrivano qui (tra cui anche noi) fanno base a Ibarra, giacchè nella Valle del Chota non ci sono praticamente strutture ricettive, ed il contatto con la popolazione locale non è diretto. Dovrete essere bravi voi a conquistarvi la loro fiducia, e dopodichè sarà una festa!

valle-del-chota-05

A proposito di feste, ce n’è una in particolare, celebrata dalle comunità di Carpuela e Juncal, che si chiama la “Bomba del Chota”. Si tratta di un misto di danze, poesie e musiche tradizionali, a cui partecipa di solito gran parte della comunità, in un tripudio di canti e balli tribali, evidente lascito della cultura nera africana.
La bomba viene interpretata dalla Banda Moncha in occasione di varie ricorrenze, come le feste comunitarie in onore della Vergine del Carmen o di San Giovanni, oppure in occasione di feste civiche ed iniziazioni.
Uno spettacolo di enorme suggestione, cui vi auguriamo di partecipare, giacchè noi non abbiamo avuto questa fortuna. La nostra grande fortuna, o meglio opportunità, è stata però un’altra: ovvero entrare in stretto contatto con questa gente, che ci ha accolto nelle proprie umili case con grande entusiasmo e allegria, felice di condividere con noi storie e racconti.

valle-del-Chota-Equador

“Nonostante da queste parti la povertà incomba, la Valle del Chota è un piccolo universo di vitalità ed un fiero esempio di ospitalità. Un angolo di Africa felice in Ecuador.”

San Lorenzo del Pailòn, “Terra de sol y lluvia”

san-lorenzo-ecuador-06

San Lorenzo si trova invece nella parte più settentrionale del Paese (a circa 240 km da Quito), e fa parte del cosiddetto Sistema del Choco, una macro-regione che comprende il Tapòn del Darien ad est di Panama (dove per intenderci si interrompe la Panamericana), e l’intera costa pacifica di Colombia ed Ecuador. Ci troviamo in una delle zone più piovose del pianeta, in un eco-sistema protetto, adibito per circa il 10% a Riserve Ecologiche e Parchi Nazionali.
E’ in queste zone remote e difficilmente raggiungibili che si rifugiarono le popolazioni africane in fuga dai negrieri europei, mischiandosi così alle comunità indigene di Awa, Cachì ed Esperas. E’ questa, infatti, una regione di grande interesse antropologico e culturale, dove si conservano tuttora tradizioni e stili di vita ancestrali.
San Lorenzo (45.000 ab. circa) è il centro principale della regione di Esmeralda, ed è una città disordinata e sgraziata, che colpisce principalmente per la sua ricchezza culturale, essendo abitata in larga maggioranza da una popolazione di pelle nera.

san-lorenzo-ecuador-esmeral

Di sera la città non trasmette una gran fiducia, ma di giorno è un centro vivace e attivo, dove è possibile girovagare senza problemi, e dove la gente è intenta a commerciare qualsiasi cosa, in un tripudio di allegro disordine.

san-lorenzo-ecuador-03

Ma oltre alla sua bella gente, San Lorenzo detiene uno straordinario patrimonio naturale.
Partendo dal suo porto (per usare un eufemismo), si può esplorare tutta la regione circostante, caratterizzata da un ricchissimo eco-sistema e da alberi acquatici alti addirittura 70 m, sono i Manglares più alti del mondo.

manglares-mas-altos-del-mun

Un colpo d’occhio impressionante! Nascoste in questa giungla di mangrovie vivono di pesca e di frutta, le comunità nere di Limones e Pampanal de Bolivar, raggiungibili solo via mare.

san-lorenzo-ecuador

Un mondo distante anni luce dalla capitale Quito, che conserva una proverbiale rilassatezza, condita da ritmi caraibici e tropicali. Un’occasione unica di entrare in contatto con culture ricche di storia e di spirito. Ah, i neri! Ti mettono sempre di buon umore!

san-lorenzo-ecuador-02

“I tesori più preziosi si trovano nei luoghi più remoti”

Qualche info pratica

San Lorenzo si trova a 240 km dalla Capitale Quito. Noi siamo arrivati in autobus, in piena notte.
Come detto, la città in quelle ore, non è molto sicura. Sarà consigliabile perciò prendere un taxi e farsi portare direttamente in hotel. Anche se a quell’ora non troverete molte reception ad accogliervi. Il nostro consiglio è farvi aspettare dal tassista, fino a quando non vi avranno aperto.
Inoltre per raggiungere le comunità di Limones e Pampanal basta prendere una panga (le barche lunghe in legno che usano i locali). Ci sono collegamenti con la terraferma fino alle 15 del pomeriggio.

limones-esmeralda

caffè
20Feb
Brasile

BRASILE: le rotte del caffè – alla scoperta delle fazendas storiche più belle

Il caffè, l’oro del Brasile Qualche giorno fa, passeggiando per Piazza Navona, a Roma, ci siamo imbattuti in una mostra del grande pittore brasiliano Candido Portinari. Le sue opere, custodite con...

iquitos-rio
17Feb
Perù

Perù: Iquitos, una metropoli nel cuore dell’Amazzonia

Iquitos, la porta dell’Amazzonia peruviana “Chi sogna può muovere le montagne” (dal Film Fitzcarraldo, di W.Herzog) Quando Brian Sweeny Fitzgerrald, meglio conosciuto come Fitzcarraldo,...

Genipabu-brazil
10Feb
Brasile

Genipabu (Brasile), un paradiso a rischio

“E’ l’uomo, sempre lui, a vanificare la poesia della Natura” A soli 20 km da Natal, esiste un angolo di paradiso, famoso per le sue dune bianche che degradano verso il mare: si...

Ruta-de-la-Muerte-08
28Gen
America del SUDBolivia

“La Ruta de la Muerte”- Brividi in bici lungo la strada più pericolosa del Mondo

Una strada da brividi “L’unico limite è la tua mente” Si dice fu scavata a mano dai prigionieri paraguayani durante la Guerra del Chaco, tra il 1932 e il 1935. Si dice anche che ogni...

machu-picchu
11Ott
America del SUDPerù

Perù mistico: in cammino verso Machu Picchu

Una città coloniale, un sentiero tra le ande e un tesoro arroccato sulla cima più scoscesa di una montagna. Basterebbe questa premessa per scuotere l’animo di qualsiasi viaggiatore. Se poi...

tulcan-01
09Ott
ColombiaEcuador

In sospeso tra Ecuador e Colombia: spunti e suggestioni

Luoghi di Confine “Pochi metri e nuovi ostacoli la propria strada alle spalle davanti fatiche e suggestioni” I luoghi di confine, si sà, sono i più interessanti. Sarà che sono la sintesi...

puerto-madero
02Ott
Argentina

BUENOS AIRES, 10 COSE DA VEDERE ASSOLUTAMENTE

Buenos Aires, Capitale dell’Argentina Buenos Aires è una gemma, una città difficilmente superabile in bellezza e in fascino, una città dall’architettura europea e dalla mentalità prettamente...

sao-luis-demaranao-noite
12Set
BrasileRacconti di viaggio

SÃO LUIS, LA CITTÀ CHE MUORE

Per arrivare a São Luís avevamo trascorso, impavidi, ben 31 ore di autobus, attraversando parte dell’arido territorio nordestino. La voglia di conoscere una città sui generis come può esserlo...

2290
30Lug
ArgentinaVideo IN viaggio

#03 La NOTTE a BUENOS AIRES

Com’è la NOTTE di Buenos Aires ? Ci si diverte ? Beh, la nostra risposta non può che essere SI’!! Buenos Aires è una città che offre tantissimo sotto questo aspetto, per tutti i gusti e...