bucaramanga-Vitamina-Project.png-01
Colombia

COLOMBIA INSOLITA: IL GIGANTESCO CRISTO DI BUCARAMANGA

BUCARAMANGA, LA CITTA’ PIU’ VIVIBILE DELL’AMERICA LATINA

“Pensavamo fosse solo una tappa funzionale al nostro viaggio verso La Guajira, la regione più arida di Colombia, invece Bucaramanga si rivelò una sorpresa, piena di parchi e con un gran patrimonio da svelare, sul quale vigilava l’imponente sagoma bianca del Santisimo, ovvero il Monumento più alto del Paese.”

el-santisimo-de-Bucaramanga

Situata in una prospera valle attraversata dal Rio de Oro, a 384 km a nord-est di Bogotà, Bucaramanga è una città particolare, ricca e con una qualità della vita molto alta; secondo il parere autorevole del Banco Mundial, sarebbe addirittura “la città più vivibile di tutta l’America Latina”.  In effetti così ci è parso, sorpresi per lo più dai floridi parchi cittadini e dall’organizzazione dei trasporti, che agevolano di molto la vita ai suoi oltre 500.000 abitanti. Numeri che incuriosiscono e stupiscono soprattutto pensando alla nostra iniziale leggerezza nel giudicarla solo una tappa di passaggio, un luogo dove riposare e ristorarsi nella casa amica della famiglia di Nelson, un nostro vecchio compagno di viaggio.
Ma è proprio quando non hai grandi aspettative che si presentano le sorprese più incredibili. Infatti, subito dopo essere stati accolti (come re e regine) dall’Architetto Ramirez, il padre di Nelson, e dopo aver festeggiato l’incontro con un piatto di spaghetti al pomodoro, il nostro occhio cade sulla copertina di un libro fotografico così intitolato “El Cerro del Santisimo, el Cristo protector de Bucaramanga”, su cui spiccava la sagoma gigantesca di un Cristo Redentore. Io e Giulia ci scambiammo uno sguardo di stupore, cui seguì una domanda che sapeva tanto di affermazione: “E questo?????”. L’Architetto, divertito, colse al volo la nostra espressione, e non tardò a ribadire: “Esto es el Gran Cristo Rey de Bucaramanga, se encuentra en el Cerro del Santisimo, en el departamento de Floridablanca, donde vigila sobre todos nosotros, si quieren manan les indico la manera de llegar” .
In poche parole ci avrebbe spiegato per filo e per segno come raggiungere quel gran monumento, considerato il più alto di tutta la Colombia.

floridablanca

“EL CERRO DEL SANTISIMO”: COME ARRIVARE

Per raggiungere il Cerro è necessario prendere un bus che dalla città di Bucaramanga vi condurrà al municipio di Floridablanca, i due municipi sono praticamente attaccati e fanno parte di un’importante area economica e commerciale.
Si scende nel Parque Central e si cammina per circa una mezz’oretta fino alla Hacienda La Esperanza (una delle entrate al Santisimo, da cui è possibile, tra l’altro, prendere una teleferica che porta sin su in cima. La statua del Santisimo, infatti, si trova sulla cima di un colle che è parte dell’ Eco-Parque, ovvero una grande area realizzata attorno al Santisimo, che ospita bar, boutique, teatri all’area aperta, negozi di souvenir. Insomma un grande centro commerciale che fa leva proprio sulla statua del Cristo.
La teleferica, comunque non è l’unico modo di arrivare in cima, si può benissimo proseguire a piedi, il cammino è ben segnalato e soprattutto sicuro.
Una volta arrivati in cima ed approdati nella piazza principale, guardate di fronte a voi, ed un impressionante monumento di ben 37 metri si paleserà di fronte a voi, è lui, El Santísimo, el gran protector de Bucaramanga! La sua proiezione lascia basiti! 

bucaramanga-Vitamina-Project

COS’ALTRO FARE A BUCARAMANGA

Se decidete di passare a Bucaramanga per visitare El Santisimo, considerate almeno un paio di giorni di sosta perché di cose da vedere ce ne sono davvero tante, e per di più sono di grande interesse:

  • IL GIARDINO BOTANICO “ELOY VALENZUELA”
    In questo meraviglioso angolo di Naturaleza, situato a Floridablanca, a circa 10 minuti da Bucaramanga, i visitatori potranno ammirare oltre 3500 specie di piante native, come le Orchidee, le Eliconie e Caracolie, ma soprattutto Palme altissime e alberi secolari, tra i cui rami non è difficile vedere scorrazzare scoiattoli, iguane e farfalle, e passeggiare tra la pace e la serenità di un parco davvero ben curato.

jardim-botanico-eloy-valenzuela

  • LA CATTEDRALE DELLA SAGRADA FAMILIA
    Si trova proprio di fronte al Parque Santander, in pieno centro. Realizzata nel 1887, questo edificio è ben identificabile grazie ai due campanili bianchi e alla sua cupola giallo-verde, con evidente richiamo ai colori della città. All’interno dell’edificio spicca l’altare principale, realizzato in marco di carrara, simbolo del benessere della vecchia nobiltà Bucaramense.

sagrada-familia-bucaramanga

  • EL PARQUE DE AGUA
    Un complesso davvero interessante, che si trova nel posto in cui un tempo c’era l’acquedotto cittadino, un luogo dove, chiaramente, la vera protagonista è l’acqua, fonte di vita e di ispirazione dei vari artisti e architetti che hanno creato fontane, cascatelle e pozze d’acqua che durante le festività si illuminano, creando così curiose scenografie.
  • LA CASA DI SIMON BOLIVAR
    Questo luogo di grande importanza storica, per essere stata appunto la casa del “Libertador” è oggi sede dell’Accademia di Storia di Santander ed ospita circa 4000 pezzi che testimoniano la ricchezza artistica e archeologica di questa zona della Colombia.
  • LA CASA DEL LIBRO TOTAL
    Situato ad un angolo del Parque Garcia, La Casa del Libro Total è un luogo davvero particolare, dove si possono conoscere episodi particolari e aneddoti della ricca storia di Bucaramanga.
  • EL PARQUE CULTURAL DEL ORIENTE
    El Parque Central, realizzato tra il 1899 e il 1912, si trova nel cuore di Bucaramanga, ed è un tesoro dell’architettura repubblicana, che ospita camere sotterranee, archi, colonne, giardine e piazzette, un luogo davvero suggestivo dove isolarsi e lasciarsi ispirare. Nel 1995 è stato nominato Monumento Nazionale

family-nelson

“Un agradecimiento especial va a Nelson y a su hermosa familia, por recibirnos con gran generosidad en su casa y
por introducirnos a esa esplendida ciudad asì acojedora que es Bucaramanga”

Los Vitamina Project

Rocco D'Alessandro

Archeologo, accompagnatore turistico e traduttore, ama leggere e fare sport di ogni genere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *